Sostenibilità

You Complain.
We Sustain.

Un’azienda ha il dovere di occuparsi dell’ambiente e della società in cui vive perché da essi dipende, in un’interdipendenza reciproca.

In un tempo come quello in cui viviamo, segnato da profondi e radicali cambiamenti, avvertiamo l’urgenza di mobilitarci per proporre, attraverso l’adozione di un comportamento “benefit”, un modo di agire diverso ma possibile. Non solo parole e proclami dunque, ma un preciso impegno concreto.

Ed è per questa ragione che dal 2020 SEAY è diventata Società Benefit.

La forma giuridica della Società Benefit è stata istituita in Italia con la Legge di Stabilità del 2016 e l’Italia è stato il primo paese al mondo, dopo gli Stati Uniti, ad aver regolamentato questo nuovo modo di fare impresa del futuro.

Essere Società Benefit significa integrare nel proprio oggetto sociale, oltre agli obiettivi di profitto, un programma di attività in grado di assicurare un impatto positivo su società e ambiente in quanto si fa ogni giorno più palese l’evidenza che l’attuale modello di sviluppo non funzioni più.

RELAZIONE D’IMPATTO 2020 DI SEAY SRL SOCIETÀ BENEFIT

PACKAGING

Per la spedizione dei capi destinati ai negozi e ai nostri clienti finali abbiamo adottato la seconda soluzione a minor impatto ambientale ad oggi disponibile. Perché non abbiamo scelto la prima? Perché ci avrebbe obbligati a spedire senza packaging (e non ci sembrava una buona idea).
La seconda via è quindi quella di utilizzare shipping bags biodegradabili e compostabili in grado di diventare compost organico a seguito del loro naturale processo di degradazione. Sono certificate da TUV AUSTRIA secondo l’accordo europeo EN-13432 sul compost.

Tempo stimato per degradare una shipping bag tradizionale: 10-1,000 anni (a seconda del materiale con cui è prodotta)
Tempo stimato per degradare una SEAY shipping-bag: 3 mesi circa (se a contatto con acqua)

FILIERA PRODUTTIVA

L’inglese Mike Berners-Lee, nel libro How bad are bananas, ha calcolato che una mela ha zero emissioni se è prodotta nel nostro orto, ma genera 150 grammi di Co2, se arriva dall’altra parte del mondo.

Non avrebbe avuto alcun senso impiegare i materiali a minor impatto ambientale disponibili sul mercato per poi produrre i nostri capi in Asia contribuendo alla produzione di tonnellate di Co2 dovute alla movimentazione della nostra collezione.

I service produttivi ai quali ci affidiamo sono nella maggior parte dei casi ad una distanza geografica inferiore a 100 km dalla nostra sede. Certo, non saranno in giardino, ma ci andiamo abbastanza vicino.

LOGISTICA

Grazie al partner logistico selezionato, le nostre emissioni di Co2 vengono misurate utilizzando gli standard di determinazione del livello di carbonio emesso.

I metodi di calcolo utilizzati per il Report sulle emissioni vengono sottoposti a una procedura di verifica da parte di terzi.

Le emissioni delle attività di trasporto e logistica vengono infine compensate contribuendo a progetti di protezione del clima.

CERTIFICAZIONE GOTS

Il cotone biologico, detto anche organico, è una tipologia di cotone coltivato da piante non geneticamente modificate e senza l’uso di prodotti chimici agricoli sintetici come fertilizzanti o pesticidi. Per il cotone organico viene impiegata solo la materia prima naturale ed, essendo puro al 100%, rappresenta un’ottima soluzione per tutti coloro che soffrono di allergie e dermatiti. La sua produzione aiuta a promuovere e migliorare la biodiversità ed i cicli biologici.

Il cotone biologico che utilizziamo è certificato GOTS (Global Organic Textile Standard). Tale certificazione definisce il rispetto di criteri ambientali di altissimo livello per l’intera catena di approvvigionamento delle fibre tessili e richiede al tempo stesso il rispetto di importati criteri sociali.

CERTIFICAZIONE OEKO TEX STANDARD 100

Molti dei nostri capi sono dotati di certificazione Oeko-Tex Standard 100, un sistema indipendente di test e certificazione per prodotti tessili.

L'etichetta Oeko-Tex Standard 100 indica che il produttore del tessuto dal quale ci approvvigioniamo è certificato come ambientalmente ecocompatibile sia nei processi che negli stabilimenti, oltre che testato circa l'assenza di sostanze nocive.

CERTIFICAZIONE GRS

I nostri capi prodotti in fibra sintetica (poliestere o poliammide) sono prodotti con materiale riciclato si altissima qualità.

Prodotti in poliestere 100% riciclato. Leggero e resistente, si stima che la produzione di recycled PET riduca le emissioni di CO2 del 32% rispetto al normale poliestere. Inoltre, il poliestere riciclato può contribuire a ridurre l’estrazione di petrolio greggio e gas naturale dalla Terra per produrre più plastica. Poiché il poliestere rappresenta circa il 60 percento della produzione mondiale di PET, circa il doppio di quanto viene utilizzato nelle bottiglie di plastica, lo sviluppo di una catena di approvvigionamento non vergine per la fibra di poliestere ha il potenziale per avere un impatto enorme sui requisiti globali di energia e risorse.

Il poliammide riciclato è un prodotto ottenuto dal riciclo del nylon, materiale ad alto valore con eccellenti caratteristiche di resistenza, tintura, morbidezza e versatilità. Attraverso il riciclo e il recupero, gli scarti vengono convertiti in polimeri e successivamente in filati che mantengono ottime caratteristiche tecniche di prestazione ed eccellenti doti estetiche.

PACKAGING

Per la spedizione dei capi destinati ai negozi e ai nostri clienti finali abbiamo adottato la seconda soluzione a minor impatto ambientale ad oggi disponibile. Perché non abbiamo scelto la prima? Perché ci avrebbe obbligati a spedire senza packaging (e non ci sembrava una buona idea).

La seconda via è quindi quella di utilizzare shipping bags biodegradabili e compostabili in grado di diventare compost organico a seguito del loro naturale processo di degradazione. Sono certificate da TUV AUSTRIA secondo l’accordo europeo EN-13432 sul compost.

Tempo stimato per degradare una shipping bag tradizionale:
10-1,000 anni (a seconda del materiale con cui è prodotta)

Tempo stimato per degradare una SEAY shipping-bag:
3 mesi circa (se a contatto con acqua)

FILIERA PRODUTTIVA

L’inglese Mike Berners-Lee, nel libro How bad are bananas, ha calcolato che una mela ha zero emissioni se è prodotta nel nostro orto, ma genera 150 grammi di Co2, se arriva dall’altra parte del mondo.

Non avrebbe avuto alcun senso impiegare i materiali a minor impatto ambientale disponibili sul mercato per poi produrre i nostri capi in Asia contribuendo alla produzione di tonnellate di Co2 dovute alla movimentazione della nostra collezione.

I service produttivi ai quali ci affidiamo sono nella maggior parte dei casi ad una distanza geografica inferiore a 100 km dalla nostra sede.

Certo, non saranno in giardino, ma ci andiamo abbastanza vicino.

LOGISTICA

Grazie al partner logistico selezionato, le nostre emissioni di Co2 vengono misurate utilizzando gli standard di determinazione del livello di carbonio emesso.

I metodi di calcolo utilizzati per il Report sulle emissioni vengono sottoposti a una procedura di verifica da parte di terzi.

Le emissioni delle attività di trasporto e logistica vengono infine compensate contribuendo a progetti di protezione del clima.

CERTIFICAZIONE GOTS

Il cotone biologico, detto anche organico, è una tipologia di cotone coltivato da piante non geneticamente modificate e senza l’uso di prodotti chimici agricoli sintetici come fertilizzanti o pesticidi. Per il cotone organico viene impiegata solo la materia prima naturale ed, essendo puro al 100%, rappresenta un’ottima soluzione per tutti coloro che soffrono di allergie e dermatiti. La sua produzione aiuta a promuovere e migliorare la biodiversità ed i cicli biologici.

Il cotone biologico che utilizziamo è certificato GOTS (Global Organic Textile Standard). Tale certificazione definisce il rispetto di criteri ambientali di altissimo livello per l’intera catena di approvvigionamento delle fibre tessili e richiede al tempo stesso il rispetto di importati criteri sociali.

CERTIFICAZIONE GRS

I nostri capi prodotti in fibra sintetica (poliestere o poliammide) sono prodotti con materiale riciclato si altissima qualità.

Prodotti in poliestere 100% riciclato. Leggero e resistente, si stima che la produzione di recycled PET riduca le emissioni di CO2 del 32% rispetto al normale poliestere. Inoltre, il poliestere riciclato può contribuire a ridurre l’estrazione di petrolio greggio e gas naturale dalla Terra per produrre più plastica. Poiché il poliestere rappresenta circa il 60 percento della produzione mondiale di PET, circa il doppio di quanto viene utilizzato nelle bottiglie di plastica, lo sviluppo di una catena di approvvigionamento non vergine per la fibra di poliestere ha il potenziale per avere un impatto enorme sui requisiti globali di energia e risorse.

Il poliammide riciclato è un prodotto ottenuto dal riciclo del nylon, materiale ad alto valore con eccellenti caratteristiche di resistenza, tintura, morbidezza e versatilità. Attraverso il riciclo e il recupero, gli scarti vengono convertiti in polimeri e successivamente in filati che mantengono ottime caratteristiche tecniche di prestazione ed eccellenti doti estetiche.

CERTIFICAZIONE OEKO TEX 100

Molti dei nostri capi sono dotati di certificazione Oeko-Tex Standard 100, un sistema indipendente di test e certificazione per prodotti tessili.

L’etichetta Oeko-Tex Standard 100 indica che il produttore del tessuto dal quale ci approvvigioniamo è certificato come ambientalmente ecocompatibile sia nei processi che negli stabilimenti, oltre che testato circa l’assenza di sostanze nocive.

Oeko Tex Standard 100 logo

CLIMATE CLOCK

Che cos’è un orologio climatico e come funziona?
L’orologio climatico è composto da due quadranti.

Il quadrante di sinistra, in rosso, è un timer che fa il conto alla rovescia di quanto tempo ci vorrà, agli attuali tassi di emissioni, per bruciare il nostro “bilancio di carbonio” – la quantità di CO2 che può ancora essere rilasciata nell’atmosfera limitando il riscaldamento globale a 1,5 ° C sopra i livelli preindustriali.
Questa è la nostra scadenza, il tempo che ci resta per intraprendere azioni decisive per mantenere il riscaldamento sotto la soglia di 1,5 ° C.

Il quadrante di destra, in verde, indica la crescente % dell’energia mondiale attualmente fornita da fonti rinnovabili.
Questa è la nostra ancora di salvezza.

Dobbiamo portare la percentuale del quadrante in verde al 100% prima di raggiungere lo 0 nel quadrante rosso.

×

Carrello