E’ IL MOMENTO DI UN RESET

CI SONO MOLTE COSE CHE STIAMO FACENDO AFFINCHÉ QUANTO AMBIZIOSAMENTE COMUNICATO NELLA HOME PAGE DEL NOSTRO SITO NON RISULTI ESSERE SOLAMENTE UNA FRASETTA TINTA DI VERDE DAL TONO UN TANTINO ARROGANTE: LAVORIAMO SODO PER DIVENTARE IL MARCHIO DI ABBIGLIAMENTO E BEACHWEAR A MINOR IMPATTO AMBIENTALE DEL MONDO.

14th May, 2021

La settimana scorsa, grazie agli amici di B Heroes, abbiamo avuto l’opportunità di trascorrere un pomeriggio in compagnia di Francesco, Evolution Flow Leader di Nativa.

Chi è Nativa?

Nativa è stata la prima Società Benefit in Europa e la prima Certified B Corporation in Italia. Il loro scopo è creare un impatto positivo sulla società, la biosfera e l’economia; country partner di B Lab per l’Italia.

B Lab è una società non profit, che dal 2006 promuove a livello globale il movimento delle  B Corporation e la forma giuridica delle  Benefit Corporation, in partnership con la non profit AssoBenefit che aggrega i principali promotori del modello Società Benefit in Italia.

Le B Corp costituiscono un movimento di imprese con un obiettivo comune: essere protagoniste di un cambiamento globale e rigenerare la società attraverso il business. Con le proprie attività, creano un impatto positivo sociale e ambientale. Obiettivo delle B Corp è diffondere un paradigma più evoluto di business e innescare una competizione positiva, in modo tale che tutte le aziende siano misurate e valutate nel loro operato secondo uno stesso metro: l’impatto positivo che hanno sulla società e sul pianeta.

Le migliaia di B Corp e le 120.000 aziende che ne usano gli strumenti, in 150 settori e 71 paesi, rappresentano una soluzione concreta e positiva che crea valore sia per gli azionisti che per tutti gli stakeholder. Il movimento delle B Corp ha sviluppato una innovativa forma giuridica di impresa, la Benefit Corporation: nel 2016, come primo Stato Sovrano al mondo, l’Italia ha introdotto le Società Benefit. Questa nuova forma di impresa for profit costituisce una solida base per proteggere la missione e creare valore condiviso nel lungo termine.

DUE STRADE, UN’UNICA META

1. SOCIETA’ BENEFIT

Una forma di società a scopo di lucro caratterizzata da un livello più alto di trasparenza, accountability e scopo/missione. Una entità legale che si impegna a considerare gli impatti verso tutti gli stakeholder, non solo gli azionisti. La legge è disponibile in Italia, negli USA (36 Stati), Colombia, Ecuador e Francia.

>> SEAY è Società Benefit dal 2020.

2. B CORP

La misura dell’impatto e la certificazione di eccellenza vengono assegnati dalla non profit B Lab. L’azienda B Corp soddisfa i più alti standard al mondo di performance sociale, ambientale e economica e si impegna anche da un punto di vista legale a considerare tutti gli stakeholder. Ogni azienda for profit in qualsiasi paese può perseguire la certificazione B Corp.

>> SEAY ha completato il B Impact assessment, primo passo per diventare una Certified B Corporation.

Tra i progetti del 2021 ai quali stiamo dedicando particolare attenzione c’è quindi il percorso che ci porterà a diventare una Certified B Corp; il primo passo è fatto (B Impact Assesment), avendo ottenuto un punteggio superiore a 80 punti, siamo ora in attesa di validare il punteggio con B Lab che è, come sopra descritto, l’ente certificatore per le B Corp. A quel punto non ci resterà che firmare la Dichiarazione di Interdipendenza delle B Corp ed il gioco sarà fatto. Abbiamo ancora circa 6-7 mesi di percorso da fare prima di diventare una B Corp, e nel frattempo?

Nel frattempo stiamo lavorando alla matrice SLCA (Sustainability Life Cycle Assessment) per ogni nostro prodotto. La matrice SLCA consente di valutare il profilo di sostenibilità di un prodotto sull’intero ciclo di vita suddiviso in macro-fasi successive, misurandone gli impatti e mappandone le attività programmate con il fine ultimo di ridurli. Si tratta dunque di valutare l’impatto assegnando un rating a (1.) Materie prime impiegate, (2.) Produzione e Imballaggio, (3.) Distribuzione, (4.) Punti vendita, (5.) Uso e (6.) Fine – per ciascuno di essi. Il risultato sarà una mappa che evidenzia in modo inequivocabile le attività che dovremmo intraprendere per migliorare ulteriormente il nostro sustainability grade.

In parallelo, grazie all’ SDG Action Manger sviluppato da B Lab, stiamo per iniziare il calcolo dei nostri progressi rispetto ai 17 SDG definiti dalle Nazioni Unite, ossia i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals) e i 169 sotto-obiettivi, i quali mirano a porre fine alla povertà, a lottare contro l’ineguaglianza e allo sviluppo sociale ed economico mirando ad uno sviluppo sostenibile in grado di affrontare i cambiamenti climatici e costruire società pacifiche entro l’anno 2030.

Avremmo potuto non fare nulla di tutto questo risparmiando molte energie e moltissimo tempo ma pensiamo sia letteralmente «immorale» iniziare un percorso imprenditoriale ai giorni nostri senza costruirlo sin dalle fondamenta basandolo su di una profonda responsabilità ambientale e sociale. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
×

Carrello